AZARENKA PASSEGGIA. SORPRESA BURDETTE

Vika lascia appena quattro giochi alla belga Flipkens, confermando il buono stato di forma. Negli altri incontri si mette in luce la giovane americana Mallory Burdette, che liquida Lucie Hradecka e centra il terzo turno alla prima partecipazione ad uno Slam in carriera

Be Sociable, Share!

New York (USA) – Sono iniziati, con la parte alta del tabellone, gli incontri di secondo turno femminile dello Us Open 2012. Anche questo mercoledì, per il momento, conferma quello che è l’andamento del torneo femminile, con le migliori che continuano a veleggiare tranquille, senza strafare, ma senza neanche lasciare sul campo energie preziose.

La solita Vika. Come da tradizione, la numero uno del mondo Victoria Azarenka, non lascia nulla di intentato fin dai primi turni e le prime avversarie sulla sua strada, si trasformano nelle classiche vittime sacrificali. Non ha fatto eccezione la belga Kirsten Flipkens, numero 133 del mondo, liquidata in un’ora e cinque minuti con un periodico 6-2. Buona la prova della bielorussa, che ha mostrato grande aggressività improvvisando anche numerose discese a rete, con buon profitto (14 su 18). Ovviamente la prestazione della Azarenka va soppesata al valore dell’avversaria, apparsa troppo leggera per reggere il confronto con la campionessa dell’Australian Open. Al prossimo turno la numero uno del mondo potrebbe incontrare maggiori problemi contro la veterana cinese Jie Zheng, testa di serie numero 28, venuta a capo brillantemente della slovacca Magdalena Rybarikova per 6-3 6-1.

Esperienza e gioventù. Nomi nuovi e meno nuovi si sono messi in luce in questa terza giornata dello Us Open. La ormai 30enne Nadia Petrova ha impressionato per la facilità (6-1 6-1), con la quale si è sbarazzata della rumena Simona Halep, una che da giovanissima appariva destinata a fare grandi cose, ma che sembra essersi un po’ persa. Prossima avversaria per la russa, sarà Lucie Safarova, brava a superare la sempre ostica canadese Alexandra Wozniak per 6-3 4-6 6-2. Ad una “vecchia” gloria che si ripropone, risponde una giovane leva molto promettente come Mallory Burdette, americana classe 1991, che ha centrato alla prima partecipazione, la qualificazione al terzo turno di uno Slam, superando con un eloquente 6-2 6-4 la ceca Lucie Hradecka. Classificata attualmente al numero 252 del ranking, la Burdette si era messa già in luce vincendo il 100000$ di Vancouver all’inizio del mese, conquistandosi in questo modo la wild card per questo torneo, che sta onorando nel migliore dei modi, mostrando ottime doti, sia tecniche, che caratteriali. Al prossimo turno in premio per lei la probabilissima sfida, presumibilmente sul centrale, contro Maria Sharapova. La sua favola ricorda per certi versi quella della sua coetanea Melanie Oudin, che nel 2009, da wild card, si issò fino ai quarti di finale, superando al terzo turno, guarda caso proprio la Sharapova. Corsi e ricorsi storici?

Us Open – Secondo turno

(1) Victoria Azarenka (BLR) d. (Q) Kirsten Flipkens (BEL) 62 62
(15) Lucie Safarova (CZE) d. Aleksandra Wozniak (CAN) 63 46 62
(19) Nadia Petrova (RUS) d. Simona Halep (ROU) 61 61
(28) Zheng Jie (CHN) d. (Q) Magdalena Rybarikova (SVK) 63 61
(31) Varvara Lepchenko (USA) d. (Q) Anastasia Rodionova (AUS) 62 62
(WC) Mallory Burdette (USA) d. Lucie Hradecka (CZE) 62 64

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi