DELPO CHIUDE LA CARRIERA DI RODDICK

L’americano lotta ma non basta, la sua carriera è finita. L’argentino accede ai quarti di finale, in cui incontrerà Novak Djokovic

Be Sociable, Share!

New York (Stati Uniti) – Termina agli ottavi di finale degli U.S. Open 2012 la carriera di Andy Roddick, ultimo tennista statunitense in grado di aggiudicarsi una prova del Grand Slam. E’ Juan Martin del Potro a sbarrargli la strada, impedendogli di raggiungere i quarti di finale di questo torneo per la nona volta in dodici anni.

L’americano ha dato tutto, ci ha provato fino alla fine, aiutato anche da un pubblico che lo ha sostenuto per tutta la durata del match. Ma c’è stato poco da fare, e la resistenza fisica dell’argentino ha fatto la differenza. Come successo quest’anno a Wimbledon contro David Ferrer, Roddick non è più stato in grado di tenere il ritmo del rivale una volta perso il tie-break del secondo set.

Un incontro che è iniziato nella giornata di ieri, in cui la pioggia ha completamente rivoluzionato il programma. Altalena di emozioni nel primo parziale, con Roddick praticamente perfetto al servizio fino al 3-2 in proprio favore (12 punti vinti dei primi 13 giocati in battuta). Nel sesto game il break dell’americano, grazie ad un ottimo attacco in back di rovescio sul 15-30, con leggera deviazione del nastro che metteva fuori causa l’argentino, e al rovescio in rete di del Potro sulla seconda palla-break. Avanti 5-2, Roddick si è però fatto raggiungere, nonostante un vantaggio di 30-0 nel game di servizio sul 5-3. Del Potro ha quindi preso coraggio, arrivando addirittura alla palla-break sul 5-5, annullata da un ace di A-Rod. Il parziale si è allungato poi al tie-break: Roddick ha avuto solo il tempo di portare a casa il primo punto con un buon dritto a sventaglio, poi la pioggia ha costretto l’arbitro a sospendere il match, dopo 52 minuti di tennis ad alta intensità.

Al rientro in campo, nella giornata odierna, Roddick ha portato a casa sei dei primi sette punti, incassando tie-break (7-1) e primo parziale. Nella seconda frazione nessuno dei due giocatori è riuscito ad arrivare alla palla-break. Scontato il secondo tie-break, che ha in pratica deciso la contesa. Roddick ha commesso un doppio fallo nel secondo punto del game decisivo, concedendo un mini-break che si rivelerà decisivo. Del Potro volerà infatti sul 6-3, e chiuderà al secondo set-point, in risposta, per il 7-4 conclusivo.

Nel terzo set l’americano è praticamente sparito dal campo di gioco, subendo il break in apertura, addirittura a zero, e concedendo al rivale la possibilità di avanzare indisturbato fino al 4-0 e 0-30. Finalmente lo statunitense è riapparso da metà di quel quinto game, riuscendo almeno a limitare i danni, portando a casa due game e cedendo comunque la frazione per 2-6. In apertura di quarto set Andy ha poi avuto le sue ultime occasioni nel secondo game, con due palle-break che tuttavia non è riuscito a sfruttare. Del Potro ha quindi operato il break decisivo nel quinto gioco, e non ha più concesso nulla al servizio. Indietro 3-5 Roddick ha annullato con una prima vincente un match-point, riuscendo a riavvicinarsi sul 4-5. Ma al cambio campo l’americano, così come tutto il suo angolo, era già in lacrime, consapevole che la sua carriera sarebbe terminata in pochi minuti. Del Potro infatti non ha tremato, ha tenuto a zero la battuta, e ha messo fine alla carriera di quel fantastico giocatore che è stato Andy Roddick.

Molto bello l’abbraccio tra i due a fine match, e il gesto di del Potro, che invece di esultare per il successo ottenuto, ha chiesto al pubblico di applaudire il rivale.

Belle anche le parole di Roddick: “Ho amato ogni secondo della mia carriera. Ringrazio i miei genitori per avermi dato ogni possibilità.”

Dopo cinque finali Slam, con una vittoria (U.S. Open 2003), cinque titoli Masters Series/Masters 1000, dodici stagioni consecutive con almeno una vittoria in un torneo Atp, e la prima posizione mondiale mantenuta per 13 settimane, si chiude la carriera del miglior tennista statunitense negli ultimi 10 anni.

 

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi