OCCHI PUNTATI SU DIMITROV-MONFILS

L’astro nascente bulgaro sfida sul Louis Armstrong Stadium, non prima delle 23 ora italiana, l’ormai stabile top ten francese in un match che promette spettacolo

Be Sociable, Share!

New York (USA). Passato l’uragano Irene, sembra che anche questo US Open 2011 possa prendere il via regolarmente. Tra i tanti incontri interessanti di questa giornata inaugurale, spicca la sfida inedita tra il ventenne bulgaro Grigor Dimitrov, e la settima testa di serie del tabellone, Gael Monfils, che chiude il programma sul secondo campo di Flushing Meadows.

Best La Monf. Il quasi 25enne francese, pur senza acuti di rilievo, sta vivendo la sua miglior stagione di sempre come confermato dal best ranking, numero 7, ottenuto (e mantenuto) da inizio luglio. Un po’ di tregua dai guai fisici che ne hanno sempre condizionato il rendimento, ed ecco che l’istrionico transalpino ha cominciato a dare maggior continuità ai propri risultati: la finale a Washington e i due quarti di finale consecutivi colti nei Masters 1000 di Montreal e Cincinnati (fermato dal solo Djokovic) lo testimoniano chiaramente. La Monf pare dunque nella condizione giusta per difendere la pensante cambiale dei quarti di finale raggiunti lo scorso anno a New York, suo miglior risultato in cinque partecipazioni. 

Bello e… vincente? Il tennis di Dimitrov ormai non è più un mistero per gli appassionati. Nel suo primo anno a tempo pieno nel circuito maggiore, le qualità balistiche del ventenne bulgaro hanno avuto modo di mostrarsi in tutta la loro accecante bellezza in più di qualche occasione. Certo, la “testa” non è ancora da top-player, e spesso “il-clone-di Federer” perde il filo del discorso durante il match finendo battuto, ma intanto l’allievo di Paul Mc Namara ha raggiunto la 52esima piazza del ranking, sua migliore posizione, ed ha avuto modo di confrontarsi con rivali di grande valore su palcoscenici importanti. Per lui, dopo aver giocato gli altri Major (con risultati, va detto, tutt’altro che esaltanti), sarà l’esordio allo US Open.

Spettacolo garantito. Come detto, quello che andrà in scena sul Louis Armstrong sarà il primo confronto tra i due protagonisti in campo. I quattro anni di differenza, la maggiore esperienza ad alti livelli ed anche l’ottimo momento di Monfils fanno pendere i favori del pronostico decisamente a favore del francese. Però di un talento come Dimitrov non c’è da fidarsi troppo: la capacità di accelerazione (soprattutto con il diritto), la completezza del gioco e anche la baldanza del giovane ragazzo dell’est, infatti, sono un mix pronto ad esplodere in qualsiasi momento e Monfils, in genere non un esempio di regolarità e capacità di gestione degli incontri (almeno fino agli ultimi tempi…), potrebbe anche rivelarsi l’avversario giusto per accenderlo. Sarà molto importante, per Dimitrov, partire bene e limitare le ancora inevitabili pause. In campo, comunque, scenderanno due giocatori capaci di produrre spettacolo, per cui è lecito attendersi un match che, con qualche intermittenza, potrà regalare giocate degne di una notte insonne…

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi