FOGNINI SFIORA IL COLPACCIO

A New York Fabio Fognini arriva ad un passo dall’impresa contro Fernando Verdasco. In un match ricco di capovolgimenti ed emozioni, lo spagnolo si è imposto 6-3 al quinto. A fare la differenza il servizio

Be Sociable, Share!

New York – Non è riuscita la replica a Fabio Fognini. Dopo l’impresa di Wimbledon, il ligure non ha concesso il bis e ha finito per soccombere alle bordate di servizio dell’iberico, impostosi col punteggio finale di 1-6 7-5 6-1 4-6 6-3 in poco più di 3 ore di gioco. Clamorosa la rimonta dell’azzurro (a New York senza allenatore dopo il recente “divorzio” da Oscar Serrano) nel quarto set. Emozioni a non finire nel quinto, ma questa volta lo Slam non sorride alla Fogna.

Ottimo Fogna, Nando in letargo. Il primo gioco è subito molto combattuto e Fabio lo porta a casa ai vantaggi. L’impressione iniziale è che entrambi i contendenti siano piuttosto contratti, anche se lo spagnolo in particolare appare da subito troppo falloso. Fabio ottiene il break al secondo gioco, portandosi avanti 3-0. Nel quinto gioco il ligure si porta avanti 40-0 in un amen, commettendo però 2 brutti errori ed un doppio fallo. Fabio rimette però subito le cose a posto con una bella stop volley e un diritto vincente lungo linea (4-1). La buona notizia, nei primi giochi, è il servizio di Fognini, continuo e preciso. Fabio prende decisamente fiducia e nel gioco successivo si porta avanti 0-40 sul servizio dello spagnolo, autore di due errori in avanzamento decisamente inconsueti. Il punto che decide il secondo break in favore del ligure arriva da un nastro “italico”. I “non forzati” di Verdasco proseguono senza interruzioni e Fognini conquista, con pieno merito, il primo set 6-1.

Si sveglia Verdasco. Nando prova ad entrare nel match, chiudendo a zero il primo gioco del secondo set e portandosi 0-30 sul servizio di Fabio. Ma il ligure recupera, grazie ad alcuni bei colpi, sino a salirte 40-30. Lo spagnolo però non molla e si porta a palla break (dopo che Fabio aveva commesso doppio fallo sulla palla del 1-1). Grande però l’azzurro che annulla la chance iberica con un bellissimo punti in pressione con il diritto. Due servizi vincenti portano dunque Fabio sul punteggio di 1-1. Ma Verdasco sembra essere entrato maggiormente (non del tutto) in partita. Lo spagnolo riesce infatti a procurarsi altre due palle break consecutive (15-40) iniziando a tirare il diritto da ogni posizione. Fabio annulla tre opportunità di break, ma alla quarta deve capitolare sotto i colpi di un Nando ritrovato (1-3). Il contro break sembra arrivare, ma… sulla palla break Fognini viene “punito” dal falco e Verdasco in pochi secondi si porta 4-1. Il set prosegue seguendo i servizi sino al 5-3 Verdasco, con lo spagnolo pronto a servire per il set. Fabio gioca un bellissimo primo punto, chiuso con uno splendido passante di diritto. Nando commette anche un doppio fallo, trovandosi dunque 0-40. Fognini sbaglia però due risposte in maniera banale, ma la terza occasione è quella giusta: diritto a sventaglio e passante in rete dello spagnolo (4-5). Fogna va al servizio per pareggiare i conti: sul 30-30 il punto che decide il game, con Fabio che lascia partire un’accelerazione di rovescio in recupero di livello altissimo (5-5). Nando va al servizio e spara 3 servizi impressionanti (uno dei quali a 227 km/h), portandosi 6-5. Il set è equilibrato sul piano del gioco, ma Fabio non mette più in campo una prima di servizio e, piuttosto nervoso, cede il set 7-5.

Dominio Iberico. Il terzo set inizia con Verdasco sempre più solido al servizio. Lo spagnolo, nonostante qualche doppio fallo di troppo, sembra cresciuto mentalmente anche se il match rimane aperto. Purtroppo la battuta di Fognini continua a latitare e l’azzurro è costretto ad annullare 3 palle break nel secondo gioco, pareggiando comunque sul punteggio di 1-1. Sul 2-1 Spagna però, Fabio non riesce a salvarsi per l’ennesima volta (complice la prima di servizio che continua a scomparire nel momento del bisogno) e Verdasco, cresciuto tantissimo, si porta 3-1. Nando in questo momento sembra assolutamente imbreakkabile e la battuta funziona sempre meglio. La situazione, a metà terzo set, è seriamente compromessa per Fabio. Ormai ogni game di servizio è per Fognini una sofferenza. Aumentano i doppi falli, sale il numero degli errori gratuiti e Verdasco sale 5-1. Nando si rilassa e si ritrova 15-40 nel gioco successivo, ma in pochi minuti il madrileno recupera e chiude il terzo set per 6-1.

Clamorosa Rimonta Italica! Fabio prova a lottare, cercando di tenere vivo il match, ma Verdasco è ormai salito in cattedra e per il ligure non sembra esserci speranza alcuna. Nando, sempre sicurissimo sul proprio servizio, strappa due volte la battuta a Fognini, creando lo strappo che appare decisivo. Verdasco sale dunque 4-1 e servizio ma d’improvviso, complice un azzurro che non molla mai, si smarrisce. Fabio in poco meno di 10 minuti si ritrova addirittura sopra 5-4. Clamoroso a Flushing Meadow! Verdasco sembra essersi perso completamente e Fabio, giocando un gran tennis, concreto e spettacolare, strappa per la terza volta consecutiva il servizio allo spagnolo ed è 6-4 Italia. Si va al quinto!

Che Peccato… Il quinto set inizia in maniera fortunata per lo spagnolo, che dopo uno scambio combattuto ha portato a casa il primo quindici grazie ad un nastro incredibile. Fognini, forse un po’ rilassato dopo la grande rimonta del parziale precedente, perde a zero il servizio. Nel gioco successivo Nando commette tre errori marchiani, concedendo 2 immediate palle del contro break. Fabio non si fa pregare e lascia partire un passante incrociato di diritto sublime, che strappa gli applausi del folto pubblico del Grand Stand. Fognini è in trance agonistica mentre Verdasco, sicuramente in fase negativa, continua a rimanere a galla grazie alla battuta (2-2). Fabio nel gioco successivo concede una palla break, ottimamente annullata grazie ad una potentissima accelerazione di rovescio; ma sulla palla game l’idea del serve and volley viene annientata da una risposta potentissima di Nando che piega la mano dell’azzurro. Sulla seconda palla break del game un rovescio stretto (piuttosto fortunato) dello spagnolo da a Verdasco il punto del 3-2 e servizio. Verdasco però non ha intenzione di chiudere i conti e concede una palla break, sulla quale lo spagnolo è bravo e fortunato (stecca e poi cross di diritto molto stretto). Fognini tiene molto agevolmente e con merito il servizio (3-4). Fabio va ancora a palla break ma Verdasco serve benissimo e annulla ogni possibilità all’azzurro. Nel gioco successivo arriva il secondo break che decide l’incontro in favore dello spagnolo, che nell’ultimo set prevale solamente grazie ad un servizio devastante nei momenti importanti.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.