MURRAY IN STILE OLIMPICO

Prova quasi perfetta dello scozzese, che lascia pochi giochi a Ivan Dodig nel secondo turno degli U.S. Open. Avanti anche John Isner, a segno su Xavier Malisse, e Juan Martin del Potro, vincente su Florent Serra

Be Sociable, Share!

New York (Stati Uniti) – Prova straordinaria per Andy Murray nel secondo turno degli U.S. Open 2012. Il tennista scozzese, numero 3 delle classifiche mondiali e recente vincitore alle Olimpiadi di Londra, non ha lasciato scampo al rivale odierno, Ivan Dodig, che dopo aver lasciato appena 3 giochi ad Hiroki Moriya nel suo incontro di primo turno, ha dovuto subire una dura lezione da quello che in questo momento è forse il giocatore più pericoloso del circuito.

Difficile commentare un match che è stato a senso unico: il punteggio finale di 6-2 6-1 6-3 rispecchia perfettamente la differenza che si è vista oggi tra i due protagonisti. Murray è stato aggressivo in risposta, trovando spesso soluzioni molto profonde su servizi del rivale che andavano oltre i 200 km/h, ed ha comandato sempre il gioco nei propri turni di battuta, non lasciando respirare un Ivan Dodig che ci ha comunque provato fino alla fine. Il croato ha preso la rete quando ha potuto, ed ha messo in mostra anche qualche bella giocata, ma contro il Murray di oggi era praticamente impossibile riuscire a fare match pari. Il tennista britannico ha quindi chiuso senza mai perdere il servizio, e concedendo appena 3 palle-break in tutto l’incontro. Aspetta ora il vincente del derby spagnolo tra Feliciano Lopez e Pablo Andujar.

Supera invece il primo turno John Isner, numero 9 del seeding statunitense, che ha superato in 4 set il pericoloso Xavier Malisse. Il belga, dopo aver perso i primi due parziali ed essersi aggiudicato il terzo, ha provato in tutti i modi a riaprire la sfida nella quarta frazione, raggiungendo il tie-break dopo aver salvato due palle-break nell’ottavo game. Ma nel gioco decisivo Isner non ha tremato e si è imposto per 11 punti a 9. Punteggio finale di 6-3 7-6 5-7 7-6 che ha quindi premiato il Top-10 americano, quartofinalista qui nella scorsa stagione.

Raggiunge il secondo round anche Juan Martin del Potro, abile a giocare al meglio nei momenti importanti contro Florent Serra, in quello che è stato un match abbastanza equilibrato, terminato con lo score di 6-4 7-6 6-4 in favore del sudamericano, che sfiderà al prossimo turno lo statunitense Ryan Harrison, vincente per 7-5 6-4 6-2 su Benjamin Becker.

Eliminato il nostro Andreas Seppi, che non è riuscito a contrastare lo spagnolo Tommy Robredo, sempre più in forma e difficile da battere dal suo rientro nel mese di giugno. Il tennista iberico ha avuto la meglio con lo score di 6-1 7-5 6-3, al termine di una sfida equilibrata solo nella seconda frazione, in cui Seppi ha avuto qualche chance di brekkare il rivale, prima di cedere al dodicesimo gioco.

Grande rimonta invece per Ernests Gulbis, che dopo essere stato indietro di due set e di un break, ha eliminato il tedesco Tommy Haas (3-6 4-6 6-4 7-5 6-3). Per il lettone c’è ora una buona possibilità di raggiungere anche il terzo turno, visto che il suo prossimo avversario sarà il non irresistibile Steve Johnson, vincente nel derby americano contro Rajeev Ram (6-3 7-6 6-3).

Risultati:

[7] J del Potro (ARG) vs [LL] F Serra (FRA) 6-4 7-6 6-4
[9] J Isner (USA) vs X Malisse (BEL) 6-3 7-6 5-7 7-6
[13] R Gasquet (FRA) vs A Montanes (ESP) 4-6 6-2 6-3 6-3
[19] P Kohlschreiber (GER) vs M Llodra (FRA) 7-6 4-6 7-6 6-1
[21] T Haas (GER) vs E Gulbis (LAT) 6-3 6-4 4-6 5-7 3-6
[26] A Seppi (ITA) vs T Robredo (ESP) 1-6 5-7 3-6
B Becker (GER) vs R Harrison (USA) 5-7 4-6 2-6
J Melzer (AUT) vs B Klahn (USA) 6-4 3-6 5-7 7-5 4-6
S Johnson (USA) vs R Ram (USA) 6-3 7-6 6-3
L Kubot (POL) vs L Mayer (ARG) 4-6 4-6 5-7

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi