DJOKOVIC IN SEMIFINALE

Il numero uno del mondo raggiunge le final-four dello US Open. Tipsarevic costretto al ritiro al quarto set dopo due set alla pari con il connazionale

Be Sociable, Share!

Novak Djokovic raggiunte le semifinali di questo US Open martoriato dalla pioggia. Il numero uno della classifica ATP ha superato nel primo quarto di finale maschile Janko Tipsarevic, costretto al ritiro sul punteggio di  7-6(2) 6-7(3) 6-0 3-0 per Nole. Il derby serbo non ha quindi regalato sorprese in termini di risultato, anche se per i primi due set il match è stato decisamente equilibrato, ed il meno quotato dei due slavi avrebbe potuto anche trovarsi in vantaggio per 2-0.

In omaggio alla tradizione (più calcistica che tennistica) per cui i derby attenuano le differenze di valori in campo e possono dar luogo a sorprese, le prime battute del match vedono Tipsarevic padrone del punteggio, anche a causa di un Djokovic un po’ falloso. Il numero 20 del mondo spreca poi due palle del 3-0 pesante commettendo un errore gratuito sulla seconda. Salvatosi dal tracollo, Nole inizia a limitare gli errori e prima raggiunge e poi sorpassa l’avversario che si ritrova in svantaggio per 4-2 prima di riassaporare due palle break, e con esse il gusto della disillusione.

Il match ora è piacevole, i due giocano allo specchio e con efficacia molto simile. Djokovic sale 5-3, ma al momento di chiudere concede il controbreak con un errore di dritto. L’emorragia di game per il numero uno continua e, dopo aver tenuto il servizio del 5-5 Tipsarevic conquista il terzo break e l’opportunità di servire per il set. Ma anche per lui chiudere si rivela impossibile, Nole conquista un nuovo controbreak e si va al tie-break, in cui Djokovic controlla il punteggio senza patemi e chiude 7-2 portando a casa un vantaggio importantissimo contro un avversario capace di giocarsela alla pari se non, almeno a tratti, più in palla del favorito del torneo.

Il secondo set ha un incipit simile al primo. Tipsarevic prende subito il break di vantaggio, ora nel secondo game, e sfiora il 4-0 solo per venire raggiunto sul 3-3. La differenza tra le due partite prende forma nel finale del set, in cui questa volta mancano emozioni. Pur gradevole e combattuto, il match segue il servizio fino al 6-6 ed al secondo tie-break. Questa volta però la storia del game decisivo è diversa, Janko non si disunisce e continua a giocare profondo e a cercare gli angoli. E’ lui a comandare il punteggio ed a chiudere 7-3 concretizzando il primo di tre set point consecutivi.

Tornato prepotentemente in partita, Tipsarevic ne esce con una rapidità mortificante. Il terzo set infatti inizia  e finisce nel segno di Djokovic, che lo porta a casa senza fatica alcuna, complice un infortunio dell’avversario. Sul 5-0 Janko chiede l’aiuto dell’assistenza medica per un problema alla gamba sinistra e viene fasciato in modo vistoso alla coscia. Impietoso, Djokovic chiude nel game successivo rifilando un “cappotto” al connazionale.

Il quarto set inizia con un Tipsarevic meno rassegnato che si porta 0-30 sul servizio di Djokovic in quello che finirà per essere l’ultimo sussulto di orgoglio della sua partita. Il numero uno del ranking ATP si rifà sotto ed il punto del 30-30 è uno straordinario recupero in corsa su una palla corta seguito da un passante stretto che merita l’applauso dello sconfitto.

L’ultimo brivido del match scuote il pubblico quando, dopo questo straordinario recupero, Djokovic si piega dolorante al piede, lasciando temere il peggio e richiedendo anche lui l’aiuto medico. Fortunatamente si tratta solo di un’unghia dell’alluce spezzata: Nole torna in campo senza handicap e prosegue a macinare punti fino al 3-0 30-15, quando Tipsarevic è costretto a concludere ingloriosamente il miglior torneo dello slam della sua carriera.

Djokovic è così il primo semifinalista dello US Open, ed attende il vincitore tra Federer e Tsonga.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi