SUPER-STARACE ELIMINA BERRER

Ottimo risultato del tennista campano, che sorprende tutti e va al secondo turno degli Us Open. Battuto il potente mancino tedesco in 4 set, con il punteggio di 6-4 4-6 6-3 6-3

Be Sociable, Share!

New York (Stati Uniti). Potito Starace ce l’ha fatta. Dopo sette anni di digiuno il tennista di Cervinara è tornato a vincere un match sul cemento in un torneo del Grande Slam. E l’ha fatto contro un avversario tutt’altro che semplice, e ben più avvezzo alle superfici veloci, quale il potente mancino tedesco Michael Berrer, numero 83 della classifica mondiale e finalista quest’anno all’Atp 250 di Zagabria.

Dopo 2 ore e 39 minuti di battaglia l’atleta allenato da Umberto Rianna si è imposto con il punteggio di 6-4 4-6 6-3 6-2, cedendo una sola volta il servizio in tutto l’arco del match e annullando complessivamente undici palle break. Un buon risultato sul duro che arriva proprio alla vigilia della sfida di Coppa Davis contro il Cile, e rappresenta dunque un chiaro messaggio lanciato dall’azzurro al ct Corrado Barrazzutti. Per lui secondo turno contro il vincitore della sfida odierna fra il croato Ivan Dodig, numero 32 del seeding, e il russo Nikolay Davydenko.

Potito ha messo in chiaro le proprie intenzioni sin dalle prime battute, quando ha strappato immediatamente il servizio al rivale. Berrer ha provato a rientrare, ma il suo tentativo non è andato oltre le due palle-break avute (ma annullate dall’azzurro) nel sesto gioco. Nel secondo parziale invece il break non è riuscito all’azzurro (nonostante una doppia occasione sul 3-3), ma è riuscito al rivale, che nel decimo game ha convertito la seconda palla-set a propria disposizione.

La beffa non ha però segnato mentalmente il giocatore di Benevento, che già nel terzo game della frazione successiva ha nuovamente allungato, e dopo essersi salvato in due occasioni, ha chiuso con un nuovo break. Ancor più semplice il set decisivo. Potito è rapidamente volato sul 3-0, e nel sesto gioco ha anche avuto a disposizione ben cinque palle per il 5-1, senza riuscire ad arrivarci. Berrer ha quindi preso fiducia, ma si è visto dire no in tutte e quattro le occasioni che – nel gioco seguente – gli avrebbero permesso di recuperare lo svantaggio. E così ‘Poto’ è volato sul 5-2, e con un nuovo break ha centrato il prezioso successo.

Diventano quindi tre – in attesa della sfida di domani fra Filippo Volandri e Juan Martin Del Potro – i tennisti azzurri al secondo turno del torneo di Flushing Meadows. Un risultato che va oltre le aspettative della vigilia, e che mancava – nel torneo americano – dal lontano 2004, quando vi arrivarono lo stesso Potito, Volandri e Seppi (tutti poi sconfitti).

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi