LA SCHIAVONE NON RIPETE

Dopo i quarti raggiunti lo scorso anno, Francesca Schiavone cede un turno prima, stoppata da Anastasia Pavlyuchenkova dopo un match non bello ma lottatissimo, chiuso in rimonta dalla russa per 5-7 6-3 6-4. In doppio Errani/Vinci fanno fuori Pennetta/Dulko

Be Sociable, Share!

New York (USA) – Peccato. In un match non bellissimo e caratterizzato da un forte vento trasversale, s’interrompe il cammino della nostra leonessa agli Us Open 2011, che manca il bis dopo i quarti dello scorso anno. Graffia poco oggi Francesca Schiavone, che nonostante una prestazione non brillantissima rischia ugualmente di portare a casa il match. Anastasia Pavlyuchenkova si limita ad un gioco speculare e spesso ricco di errori, con ben 11 doppi falli. L’azzurra purtroppo non è da meno, lasciando l’intera posta alla russa con il punteggio finale di 5-7 6-4 6-3. Adesso, perso il record di due italiane contemporaneamente nei quarti in uno slam, l’Italia del tennis si aggrappa alla sola Flavia Pennetta. La brindisina esce però di scena nel torneo di doppio insieme a Gisela Dulko, sconfitte dalla coppia tutta azzurra Sara Errani e Roberta Vinci per 4-6 7-5 6-2

Buon avvio. Sin dal primo set s’intuisce che oggi non sarà facile per l’azzurra n.8 del mondo, che stenta parecchio a fare il suo gioco classico resistendo finchè può con l’esperienza e  il carattere. L’inizio è buono per Francesca, che prova a scappare subito grazie al break al secondo game, ma oggi proprio il colpo d’inizio gioco risulta quasi superfluo per le due giocatrici. Percentuali mediocri al servizio fruttano parecchi break, e l’equilibrio torna spesso sovrano. Tre game in serie portano la russa avanti sul 3-2 e servizio, prima che la Schiavone risponda con un nuovo sorpasso per il 4-3 in suo favore. La russa non molla, rimette il muso avanti sul 5-4 ma si fa ancora brekkare, impattando sul 5-5. Fin quando l’azzurra riesce a spostare la sua avversaria lateralmente, può dare continuità al suo ritmo, arrivando molto spesso al punto. Viceversa, quando la russa ha troppa libertà  per colpire da ferma, riesce a sfondare il muro difensivo della Schiavone. Fortunatamente nel primo set prevale la prima opzione, e dopo aver tenuto a 15 il suo turno al servizio, la milanese piazza l’ennesimo break che le vale il 7-5 finale.

Non è Francesca. Nel secondo set si esaurisce la vena difensiva dell’azzurra, che lascia troppo campo e ritmo alla sua avversaria. Il vento frena le traiettorie classiche della Schiavone, che va spesso in difficolta già in avvio di scambio. Dopo un break per parte la russa affonda, issandosi fino al 4-1 pesante ribaltando un game da 40-15.  Francesca recupera uno dei due break di svantaggio, ma incappa in errori banali , tra cui 4 doppi falli e 17  gratuiti.  Con un parziale di 8 punti a 1, la Pavlyuchenkova da 4-3  pareggia i conti dei set per 6-3.

Bye Bye New York. La musica non cambia nel 3° parziale, anche se la russa tende ad essere più incisiva al servizio, al contrario dell’azzurra, costretta a servire troppe seconde palle. Nonostante tutto Francesca regge, anche perche la Pavlyuchenkova non fa nulla di cosi eclatante per cambiare passo. Il ritmo rimane assai stabile e dopo un break per parte in avvio, si seguono i turni al servizio fino al 5-4 per la russa. Qui è ancora la battuta a tradire l’azzurra, che prima va sotto 15-40 e poi, dopo essersi portata sul 40- 40, commette il suo 10° e ultimo doppio fallo. Al 3° match point Anastasia piazza un perfetto dritto in lungolinea, che chiude i conti dopo 2 ore e 40 minuti.

Doppio azzurro. Sfida interessante nel torneo di doppio, dove al 3° turno si sfidano Pennetta/Dulko,  coppia n.2 del mondo, e le azzurre Vinci/Errani, teste di serie n.15. Match combattuto e molto intenso, sopratutto nei primi due set. La prima frazione vede prevalere la coppia italo-argentina, che s’impone 6-4. La rimonta tutta azzurra arriva poco dopo,  in cui Errani e Vinci trovano lo spunto giusto che le regala il 7-5. Negli slam il terzo set si gioca in maniera classica senza long tiè-break,  con la coppia tutta Italiana che prende subito in mano il controllo del set, finendo per portare a casa il 6-2 finale.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi