LA ZVONAREVA NON BRILLA MA VINCE. OUT SAFAROVA

Vera Zvonareva approda al 4° turno degli Us Open supernado con qualche difficoltà la spagnola Medina-Garrigues 6-4 7-5. Monica Niculescu mette in imbarazzo Lucie Safarova che crolla 6-0 6-1, mentre Shuai Peng passa 6-4 7-6 su Julia Goerges

Be Sociable, Share!

New York (USA) – Una Vera Zvonareva a mezzo servizio, impiega due ore esatte per piegare la resistenza della spagnola Anabel Medina-Garrigues. Qualche errore di troppo e una tenuta mentale da rivedere, costringono la n.2 del mondo a soffrire più del previsto prima di conquistare il 4° turno degli Us Open 2011. L’iberca, vincitrice quest’anno a Palermo, tiene botta alla più quotata avversaria uscendo a testa alta dal centrale di Flushing Meadows. Chi esce dal campo totalmente frastornata è la ceca Lucie Safarova, che va KO sotto i colpi “old style” della  romena Monica Niculescu, che approda per la prima volta in carriera al 4° turno di uno slam con un rapido 6-0 6-1.  Primo ottavo di finale slam in carriera anche per la giovane tedesca  Angelique Kerber, che passa con un perentorio 6-3 6-1 sulla russa Alla Kudryavtseva. Cade invece l’altra tedesca Julia Goerges, fermata da Shuai Peng 6-4 7-6.

Vera calma. La quinta sfida diretta tra Zvonareva e Medina premia per la 4° volta la russa, che aveva però perso l’ultimo confronto datato 2008. Alla fine il pronostico viene rispettato, ma l’esperta spagnola tiene duro per tutto l’arco della partita. Si viaggia punto a punto fino al 3-3, dove entrambe falliscono anche una palla break per parte. Un 7° game poco lucido al servizio penalizza la spagnola, che va subito sotto 0-30 prima di subire un rovescio lungolinea  che da alla russa il primo e unico break del parziale. La Zvonareva infatti conferma immediatamente il suo allungo grazie anche ad una perfetta tenuta al servizio, che le garantisce un primo parziale chiuso per 6-4 in 48 minuti. Il secondo set segue la falsa riga del primo, regalando agli spettatori un match agonisticamente valido, anche se poco spettacolare. La Zvonareva prova a spezzare gli indugi, piazzando il break al 3° gioco che le vale poco dopo il 3-1. Sembra essere lo scatto decisivo per Vera, che invece si pianta subendo il poderoso ritorno della spaglona. La Medina mette in fila 3 game di seguito, salendo 4-3 e sprecando anche una palla break del 5-3. La russa si risveglia appena in tempo, e grazie alla sua maggior classe, mette a segno un paio di vincenti che la riportano in parità sul 5-5. Il continuo fiato sul collo pesa alla lunga sulla tenuta mentale della spagnola, che nel 11° game si arrende al servizio, lasciando via libera alla russa, che dopo il cambio di cambio, chiude a 0 il suo turno in battuta per il 7-5 finale.

Monica taglia e vinci. Match senza storia quello sul Luis Armstrong , dove per la prima volta si affrontano Monica Niculescu, n.68 WTA, e la più quotata Lucie Safarova, n.26. Il netto 6-0 6-1 per la romena è frutto di una serie di ben 43 errori della Safarova, totalmente in balia del gioco eclettico e variegato della sua avversaria. Back di dritto, smorzate, servizi in kick e precisione millimetrica, caratterizzano il gioco vecchia maniera della romena, che mette a dura prova la pazienza della sua avversaria. La ceca inanella infatti errori su errori, finendo dritta dritta nella trappola architettatala dalla Niculescu, che chiude i conti in poco più di un’ora.

Tedesche all’agrodolce. Una vittoria e una sconfitta per le due giocatrici tedesche impegnate in apertura di giornata. Continua l’ottimo momento di Angelique Kerber, n 92 del mondo, che per la seconda volta in carriera fa fuori la russa Alla Kudryavtseva, imponendosi 6-3 6-1. Finisce male invece per la sua connazionale Julia Goerges,n.21, che si gioca il match fino in fondo contro la cinese Shuai Peng,n.14, prima di cedere 6-4 7-6.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi