DAY 4: RISULTATI TORNEO MASCHILE

Roger senza problemi. Fish non sbaglia più. Bene anche Montanes. Gasquet e Nishikori eliminano Davydenko e Cilic. Soderling in 3 set. Blake in 4

Be Sociable, Share!

Flushing Meadows (Usa) – Continua il gran momento di forma di Mardy Fish (n.19). Sul Luis Armstrong l’americano ha chiuso in due ore scarse di tennis il suo secondo impegno agli Us Open contro Pablo Cuevas. Dopo un primo set equilibrato, l’uruguagio si è sciolto di fronte all’avversario, vincente con lo score di 7/5 6/0 6/2. Sta funzionando alla grande il servizio di Fish, che in due match ha messo a segno 38 ace (per ora nella speciale classifica dei “bombardieri” è secondo alle spalle di Tipsarevic). In tre set si è concluso anche l’incontro fra Albert Montanes (n.19) e Carsten Ball. Nonostante la gran battuta mancina l’australiano oggi è stato breakkato ben 5 volte, e con questo vantaggio per lo spagnolo è stato molto più agevole chiudere con il punteggio di 6/4 6/3 6/1.

Roger senza indugio. Non fallisce il secondo appuntamento sull’Arthur Ashe la testa di serie n.2 Roger Federer. Contro il mancino Andreas Beck lo svizzero gioca con la solita autorità, con un solo passaggio a vuoto a fine primo set. Sul punteggio di 5 a 0 in suo favore, Roger si è fatto recuperare fino al 5-3. Una piccola amnesia che non ha di certo compromesso il match di Sua Maestà, che ha subito rimesso le cose in chiaro chiudendo il match 6/3 6/4 6/3 in 1h e 33′ di tennis. Al prossimo turno il n.2 del ranking incrocerà la racchetta con Paul Henri Mathieu, che nel derby transalpino ha battuto Guillaume Rufin per 7/6(3) 6/4 6/3.

Schwank si arrende a Clement (e alla caviglia sinitra). Arnaud Clement continua la sua avventura agli Us Open. Il francese si è qualificato per il terzo round dello Slam, facilitato dal ritiro di Eduardo Schwank. Dopo aver perso il primo set per 6/3, l’argentino ha cominciato a sentire un dolore alla caviglia sinistra. Il pronto intervento del fisioterapista a metà secondo set gli ha consentito di continuare il match per qualche altro minuto, ma sul 5 pari ha deciso di avvicinarsi alla rete e abbandonare la partita.

Gasquet annulla Davydenko. Dopo Berdych (n.7) e Roddich (n.9) salta un’altra illustre testa di serie del tabellone maschile degli us Open. E’Nikolay Davydenko (n.6) sconfitto da Richard Gasquet per 6/3 6/4 6/2. Punteggio netto che non lascia scampo al russo, in balia del francese per tutto l’arco dell’incontro.

Nishikori abbatte Cilic. Stanno cadendo una dopo l’altra le principali teste di serie degli Us Open. Il quartofinalista della passata stagione, Marin Cilic (n.11), è stato sorpreso sul Campo 13 da Kei Nishikori. Il nipponico, già al quarto turno dello Slam americano nel 2008, ha avuto il merito di non abbattersi nel quarto set, quando il croato conduceva 7/5 6/7(8) 6/3. Al termine di un parziale molto equilibrato, Nishikori si è aggiudicato il tie break, che di fatto ha tagliato le gambe a Cilic, scomparso dal campo dell’ultima partita (6/1).

Robin si riprende. Contro Andreas Haider Maurer la testa di serie n.5 Robin Soderling aveva rischiato da matti, riuscendo poi a domare l’austriaco solo nel quinto parziale. Oggi allo svedese è occorsa 1h e 31′ per avere la meglio di Taylor Dent, sconfitto 6/2 6/2 6/4. Sul Grandstand Robin ha esibito la solita prestazione di livello al servizio, con 14 ace, ed è stato anche abbastanza concreto, commettendo solo 11 errori non forzati nell’arco del match. Nel terzo turno Soderling giocherà contro Thiemo de Bakker. L’olandese era sul 6/7(4) 6/2 6/3 3-2 quando il suo avversario Ivan Dodig ha abbandonato il match.

Dal probabile ritiro al terzo turno Slam. Forse, dopo questi Us Open, James Blake ripenserà alla decisione quasi ufficiale di appendere la racchetta al chiodo. C’è ancora tempo per pensarci, perché ora il “pelato” americano deve continuare a concentrarsi su questo Slam, che gli sta regalando belle soddisfazioni. Dopo il convincente esordio contro Vliegen, Blake oggi ha sconfitto Peter Polansky. Non certo un top player, ma in campo il canadese ha dato del filo da torcere all’ex n.4 del ranking, vincente per 6/7(1) 6/3 6/2 6/4.

Ferrero in 3. Melzer in 5. Nella notte italiana passano il turno altre due teste di serie, che si scontreranno al prossimo round. Juan Carlos Ferrero (n.22) ha gioco facile contro Ricardo Mello, sconfitto 6/1 6/4 6/4, mentre Jurgen Melzer (n.13) rimane in campo una vita per avere la meglio di Ricardas Berankis, battuto 6/4 6/7(4) 6/3 1/6 7/5.

Kevin di notte. Quando in Italia è notte fonda, Kevin Anderson termina il suo incontro infinito contro Thomaz Bellucci (n.26). Dopo oltre 4h di gioco il sudafricano si impone per 6/7(4) 6/4 5/7 6/4 7/6(2), conquistando così il terzo turno dello Slam americano, ad oggi il miglior risultato della sua carriera in un Major.

Starace e Bracciali in. Seppi e Vagnozzi out. Giornata agrodolce per le coppie azzurre impegnate nel primo turno del torneo di doppio. Potito Starace e Daniele Bracciali si impongono al termine di un match molto equilibrato su Golubev e Istomin, sconfitti per 6/4 4/6 6/2. Niente da fare invece per la coppia formata da Andreas Seppi e Simone Vagnozzi, che hanno perso dal duo Ryan Harrison-Robert Kendrick per 6/2 6/3.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento